Denominazione di origine controllata (DOC)

20 agosto 2015 - 16:16 | Di | Categoria: Cibo & Territorio, DOC, Prodotti tipici

La denominazione di origine controllata, nota con l’acronimo DOC, è un marchio di origine italiano utilizzato in enologia che certifica la zona di origine e delimitata della raccolta delle uve utilizzate per la produzione del prodotto sul quale è apposto il marchio; esso viene utilizzato per designare un prodotto di qualità e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse all’ambiente naturale ed ai fattori umani e rispettano uno specifico disciplinare di produzione approvato con decreto ministeriale. Tali vini, prima di essere messi in commercio, devono essere sottoposti in fase di produzione ad una preliminare analisi chimico-fisica e ad un esame organolettico che certifichi il rispetto dei requisiti previsti dal disciplinare; il mancato rispetto dei requisiti ne impedisce la messa in commercio con la dicitura DOC. Il marchio fu ideato negli anni cinquanta dall’avvocato romano Rolando Ricci, funzionario dell’allora ministero dell’Agricoltura. La denominazione di origine controllata fu istituita con il decreto-legge del 12 luglio, n. 930, che si applica anche ai vini “Moscato Passito di Pantelleria” e “Marsala”.

Dal 2010 la classificazione DOC, così come la DOCG (denominazione d’origine controllata e garantita), è stata ricompresa nella categoria comunitaria DOP (denominazione di origine protetta).